top of page

ALLA FINE DELLA FIERA...

ARTVERONA 17 

#ItalianSystem 14-16.10.2022

MAG | Magazzeno Arte Contemporanea

Ravenna

info@magazzeno.eu

www.magazzeno.eu

MAG | magazzeno arte contemporanea presenta ad ArtVerona 2022 un solo show dell'artista Giulio Alvigini, creatore della pagina Instagram Makeitalianartgreatagain, che ad oggi vanta migliaia di follower. Alvigini è un artista che della comunicazione ha fatto il fulcro della sua ricerca, creando opere digitali che ogni giorno vengono condivise centinaia di volte. L’ironia sul sistema dell’arte contemporanea italiana rende le opere di Alvigini ancora più intriganti per il mondo dell’arte, intrise di quella dicotomia tra superficiale e profondo che le rende uniche, attualissime, irriverenti, sagaci e estremamente contemporanea.

Il progetto, che si chiama “Alla fine della fiera”, vuole creare uno stand che si differenzi dal solito spazio fieristico e che rifletta proprio sulle modalità, forse ormai obsolete, delle fiere in generale. Uno stand, anzi, un’anti-stand per gli addetti ai lavori, ma che fa sorridere anche il pubblico più inesperto: l’enorme scritta “Hai venduto qualcosa?” sovrasta la parete di 4 metri per 4, l’unica in dotazione nella sezione Solo, e si impone come uno schiaffo agli altri galleristi, intenti a farsi l’un l’altro questa domanda che riecheggia in modo ossessivo ad ogni fiera.

Sotto la grande scritta sono allestite le opere di Alvigini, alcune inedite e altre presentate una sola volta a Milano in occasione della sua prima personale, che ha dovuto chiudere i battenti per i troppi visitatori accorsi all’inaugurazione. Le opere ricordano oggetti di uso quotidiano sui quali sono riportati alcuni dei meme più famosi dell’artista. Non possono mancare i gadget, come poster, t-shirt e tavole da skate, prodotti in collaborazione con il famoso brand di street culture Bonobolabo, con il quale la galleria collabora da anni: così anche il personale della galleria, la gallerista in primis, vestono tutti con la stessa maglietta che recita “I don’t need sex, the art world fucks me every day”.

C’è chi definisce Alvigini il Cattelan (Maurizio o Alessandro?!) degli anni ’20: sicuramente è un artista attento e intelligente, che ha capito quanto la comunicazione influisca sulle nostre vite e quanto questa sia ormai parte del nostro modo di comprendere la realtà.

L’immagine dello stand, ancora prima dell’apertura, è già virale sui social.

E, alla fine della fiera, hai venduto qualcosa?

bottom of page